Diritto annuale CCIAA Stampa
Scritto da Mio Commercialista   
Lunedì 27 Maggio 2013 06:29

Il diritto annuale è il tributo dovuto ad ogni singola Camera di Commercio da ogni impresa iscritta o annotata al Registro delle Imprese (RI) e dai soggetti iscritti nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA).

Tale versamento dovrà essere effettuato utilizzando il modello F24, entro il termine previsto per il versamento del primo acconto delle imposte sui redditi per l'anno 2013.

Se si effettua il versamento entro il trentesimo giorno successivo al termine previsto, occorre maggiorare il pagamento dello 0,40% a titolo di corrispettivo o applicare la sanzione e gli interessi previsti per il ravvedimento breve.

Il modello F24, oltre ai dati dell'impresa, deve contenere il codice tributo 3850, il comune e l'anno di riferimento, nonchè l'importo da pagare.

Le imprese iscritte nella sezione ordinaria del RI dovranno calcolare il diritto in base al fatturato dell'esercizio precedente, sulla base di scaglioni di fatturato:

  • da € 0 a 100.000, il diritto sarà in misura fissa pari ad € 200;
  • oltre € 100.000, fino a € 250.000, il diritto sarà pari al 0,015% del fatturato;
  • ecc.
Per le imprese individuali iscritte o annotate nella sezione speciale del RI (piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti ecc.) l'importo è pari ad € 88; mentre i soggetti iscritti esclusivamente al REA dovranno versare un importo di € 30.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 27 Maggio 2013 06:45